Come ho gia detto nella sezione “PRO e CONTRO”, il rientro sara’ una cosa abbastanza difficile, sotto molti punti di vista. Da un lato, la scuola Italiana raramente perdona facilmente gli studenti che decidono di imbarcarsi in un esperienza del genere, e quindi tenete a mente che dovrete studiare. tanto. troppo. Ma passati i primi tre mesi dopo il rientro di solito a scuola tenderanno a rilassarsi, e di “dimenticheranno” che siete stati via. (tanto per farvi capire l’assurdita’ di questa cosa, in quasi tutti gli altri stati europei gli studenti che studiano all’estero vengono PREMIATI). Da un altro lato le difficolta’ saranno a livello emotivo. Paradossalmente, integrarsi negli Stati Uniti vi sara’ molto piu’ facile che ritornare a casa. Inizialmente sara’ facile perche’ comunque sia avrete avuto nostalgia dei vostri amici e famiglie, ma dopo un po’ di tempo vi sentirete probabilmente fuori posto e inadeguati. E’ una sensazione comune, che molti dei miei amici exchange (anche non italiani) hanno provato.

Mi rendo conto ora che questo pezzo sembra raccontare solo una storia di pene e sofferenze. Ma io sono qui ad aiutarvi a fare delle scelte, e sebbene a me piacerebbe moltissimo scrivere e raccontarvi di quanto fantastici siano stati i miei cinque mesi in California, so che non vi servirebbe. Ogni esperienza e’ bellissima nelle sue differenze, e ne ho sentie raccontare molte… ma le storie del rientro di noi italiani purtroppo si assomigliano tutte. Quindi tenete a mente che per ottenere un’esperienza da 10, dovete essere consapevoli di tutte quelle cose che vi aspetteranno a casa al vostro ritorno.